Ciao a tutti, sono Lello Rescigno (classe 1940).

Sono stato tra i primi Napoletani ad aderire ai FB, eravamo tutti iscritti agli Scout de France.

Negli ultimi anni 50 (58-o 59) a Lourdes,  Geppino Gioia ed io incontrammo Luciano Ferraris che ci parlò di una eventuale Comunità Nazionale che doveva comprendere le varie Comunità Regionali che si stavano organizzando e ovviamente aderimmo.

Come ho conosciuto l’UNITALSI.

Le date precise non le ricordo, ma eravamo nel ’50 o ’51.

Avevo 10 o 11 anni. Le suore Francescane del convento di via Montedonzelli chiesero a mia madre se potevo andare a giocare con un bambino disabile che era rimasto affidato a loro dopo l’incidente che lo aveva colpito.

Ci andai. Quel bambino era Alberto Ayala.

All’inizio, dopo la scuola, ci andavo quasi tutti i giorni.  Negli anni a seguire mi tirai dietro alcuni amici e diventammo un’allegra compagnia. Negli anni successivi, essendoci fatti grandi lo portavamo fuori per il Vomero o anche nei boschi dei Camaldoli.

Verso il 1957 lo vennero a prendere con un’ambulanza per portarlo al pellegrinaggio dell’UNITALSI a Pompei, chiesi se potevo andare anche io l’autista mi disse di si e mi imbarcai con loro.

Fu una scoperta che ha condizionò per sempre la mia vita, una malattia che io chiamo Lourdite, il richiamo di Nostra Signora è sempre forte, continuo ad andarci anche se non posso fare quello che facevo da giovane ma se non ho più la forza per alzare pesi posso sempre lavare piatti, parlare con gli ammalati e raccontare storie.

P.S. Da qualche anno, il convento delle Francescane, bellissima villa del 600, è stato demolito. Al suo posto sorge il grandioso palazzo dell’Agenzia delle Entrate. Del vecchio complesso resta un pezzo del giardino e un albero dove era attaccata l’altalena… darei un premio speciale a chi ha fatto questo scempio.

Lello Rescigno
FB Campania